REGISTRATI    

CORTE DEI CONTI Delibera n. 63/2020/SRCPIE/PRSE

Comune di Ovada (AL) - Qualora un organismo partecipato presenti un risultato di esercizio negativo che non venga immediatamente ripianato, l’Ente locale partecipante è tenuto ad accantonare, in misura proporzionale alla quota di partecipazione, l’importo corrispondente in apposito fondo vincolato del bilancio di previsione dell’anno successivo (art. 21 D.Leg.vo n. 175/2016).
La relazione diretta che si instaura tra le perdite registrate dagli organismi partecipati e la conseguenziale contrazione degli spazi di spesa effettiva disponibili per gli enti proprietari a preventivo, ha l’obiettivo di una maggiore responsabilizzazione degli enti locali nel perseguimento della sana gestione degli organismi partecipati.
Tuttavia, nonostante la previsione degli accantonamenti di cui sopra, il “soccorso finanziario” nei confronti degli organismi partecipati è da considerare precluso, allorché si versi nella condizione di reiterate perdite di esercizio, e di cui all’articolo 6, comma 19, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, con disposizione confermata dall’art. 14, comma 5, del testo unico di cui al decreto legislativo n. 175 del 2016.
Per le società partecipate che gestiscono servizi di pubblico interesse in caso di crisi d’impresa è necessario predisporre un piano di risanamento , approvato dall’autorità di regolazione di settore comunicato alla Corte dei conti ai sensi dell’art 14, c 5, dlgs 175/2016,
che contempli il raggiungimento dell’equilibrio finanziario entro tre anni.

scarica la delibera al link: https://ancrel.it/it/documenti_pubblici.php?sc_id=18&id=716&label=CORTE%20DEI%20CONTI%20Delibera%20n.%2063%2F2020%2FSRCPIE%2FPRSE


{* *}